Blog Detail

Nuova penalizzazione Google: colpiti i network di siti

Nuova penalizzazione Google: colpiti i network di siti

06 Feb 17
admin
No Comments

Continuano gli aggiornamenti di Google rivolti a penalizzare le tecniche Seo poco pulite. Molti Webmasters e il BlackHatWorld forum hanno riportato che dall’1 febbraio 2017 sono state riscontrate variazioni di traffico che fanno pensare a nuovi interventi algoritmici di Google. Tutto farebbe pensare a un update della penalizzazione dei PBNs (Private Blog Networks). Questa è da tempo considerata una tecnica black hat SEO.

Si tratta solo di commenti incrociati sparsi per la rete. Nonostante questi avvertimenti siano supportati dai dati raccolti da molti tracking tools, incluso SEMrush, Google non ha ufficialmente confermato questo aggiornamento.

Una penalizzazione nei confronti di PBNs (Private Blog Networks), colpirebbe quei siti che provano a spingere i contenuti incrociando link da un contenuto all’altro. Su questa tecnica si è molto dibattuto negli ultimi anni. Da una parte c’è che difende legittimamente la possibilità di ‘suggerire’ un contenuto da un sito all’altro (es. ho un blog di salute e uno di cucina, è anche nell’interesse del lettore, quando parlo di curcuma sul primo, segnalare che sul secondo sito può trovare ricette con questo ingrediente). Dall’altra parte c’è la suprema legge di Google secondo cui i backlink non devono ‘sembrare’ naturali, ma devono ‘esserlo’.

Da capire poi se le penalizzazioni colpirebbero soltanto tecniche spinte, magari sitewide con link ripetuti nei menu, o anche chi ha portato avanti una strategia ‘onesta’ con qualche link assolutamente pertinente che rimanda da un sito all’altro.

Fatto sta che dopo i recenti update con penalizzazioni per gli annunci mobili troppo invasivi, un nuovo scossone potrebbe colpire le serp del motore di ricerca di Mountain View, costringendo molti seo o semplicemente proprietari di siti a rivedere la loro strategia. E voi cosa ne pensate?

Ti è piaciuto l'articolo?
Valutazione
[Total: 1 Average: 2]

Leave A Comment