Navigazione anonima con Google Chrome: pulite sempre la cache

Quanto costa essere primi su google

E’ naturale che ci si chieda quanto costa essere primi su Google, l’errore è probabilmente non considerare quanto mi farà guadagnare essere primi su Google. Nel nostro Paese siamo purtroppo (fatta qualche eccezione) ancora troppo legati al concetto del guadagno immediato e del correre pochi rischi. Investire ancora una parola che ci fa paura e della quale non ci fidiamo troppo.

C’è modo e modo di investire: investire sul nostro progetto, migliorando, non è rischiare, è coltivare. Realizzare un sito web a Bari o in qualunque altra città d’Italia, per la nostra attività, è uno dei modi migliori per investire con la certezza di avere poi un tornaconto. Ma realizzare un sito web senza una adeguata ottimizzazione seo e un lavoro specializzato di posizionamento su Google equivale a comprarsi una automobile senza metterci la benzina. Bella da vedere ma pressochè inutile, se non la facciamo camminare. E qui torniamo alla domanda iniziale: quanto costa essere primi su Google? La risposta è la più odiosa che si possa ricevere, ma anche la più sincere: dipende. Dipende dal tipo di parole chiave per le quali ci si vuole posizionare, dal tempo e dal lavoro che tutto ciò richiede.

Posizionare un sito in prima pagina non è uno scherzo

La risposta è odiosa ma sincera. Ma c’è anche un’altra risposta che ci piace dare, e cioè: molto poco rispetto ai benefici che poi se ne trarranno. E’ su questo che ognuno di dovrebbe concentrare: perchè realizzare un sito web e posizionarlo per le chiavi di ricerca di proprio interesse ai primi posti dei motori di ricerca vuol dire mettere le basi fondamentali per incrementare il vostro giro di affari. Pensateci bene: è come fare pubblicità, con la differenza che la pubblicità la paghi per sempre, il posizionamento lo paghi una volta sola. Contattaci e ti spiegheremo meglio gli aspetti che ancora non ti sono chiari, e ti si aprirà un mondo.

Migliorare il posizionamento su Google in due semplici mosse

Scegliere le parole chiave giuste per volare su Google

Realizzare un sito web di questi tempi è molto semplice, possiamo anche dire che un po’ tutti ce l’hanno tra chi se lo è fatto fare da un’agenzia, chi è ricorso alle piattaforme gratuite o chi si è aperto un semplice blog su altervista. Il problema non è aprire un sito web, ma fare in modo che funzioni, che sia visitato, che abbia un senso al di là che sia un semplice diario per noi stessi e per i nostri amici.

Come fare ad avere successo con un sito? Avete due strade: o creare qualcosa di talmente unico e interessante che la voce si spargerà e voi diventerete famosi, ne parleranno tutti sui social network nelle televisioni e alle radio, oppure dovete cercare di essere primi su Google e far volare il vostro business. Siccome la prima strada, per quanto possibile la riteniamo quantomeno complicata o riservata a pochi fortunati (e comunque di solito sono cose che accadono senza che nemmeno capiamo il perchè, più difficilmente si diventa famosi studiando il tutto a tavolino), la cosa migliore e cercare di posizionarsi bene sui motori di ricerca, Google in particolare.

La prima cosa da fare è capire quali sono le nostre parole chiave di riferimento. Se ci interessa portare clienti al sito della nostra azienda, è possibile che abbiamo bisogno di parole chiave a bassa concorrenza. Ad esempio è certamente più semplice posizionare un sito bene su Google con le parole chiave “agenzie immobiliari a Quarrata” piuttosto che essere primi con “Hotel a Roma“. Ma se abbiamo un’agenzia immobiliare a Quarrata, essere primi con le suddette parole chiave sarà per noi importantissimo e fonte di clienti e guadagni notevoli. Allo stesso modo se la nostra agenzia si chiama “Il Micco” è siamo primi con “agenzia immobiliare Il Micco“, avremo poco di cui vantarci, perchè ci troveranno soltanto i clienti che già ci conoscono, mentre per tutti gli altri saremo invisibili. E a chi ha un’attività di questo genere sono proprio i nuovi clienti che interessano. Posizionare un sito web con questo tipo di esigenza è certamente possibile, anche con ottimi risultati. Contattaci e ti diremo come fare.

famiglia

In famiglia e nel lavoro… vale la pena almeno provarci

Dopo un lungo e duro giorno di lavoro, mia mamma mise un piatto con salsicce e pane tostato, molto bruciato, davanti al mio papà.
– Ricordo che stavo aspettando che lo notasse… Nonostante mio padre lo avesse notato, prese un pane tostato, sorrise a mia madre e mi chiese come era andata a scuola. -Non ricordo cosa gli risposi, però mi ricordo il vederlo spalmare burro e marmellata sul pane tostato e mangiarlo tutto. -Quando mi alzai da tavola, quella sera, ricordo aver sentito mia madre chiedere scusa a mio padre per il pane tostato molto bruciato. Mai dimenticherò quello che le disse:

“Cara non preoccuparti, a volte mi piace il pane tostato un po’ bruciato.” – Più tardi, quella sera, andai a dare il bacio della buona notte a mio padre e gli chiesi se veramente gli piaceva il pane tostato bruciato. – Egli mi abbracciò e mi fece questa riflessione:

“la tua mamma ha avuto un giorno molto duro nel lavoro, è molto stanca, ed inoltre un pane tostato un po’ bruciato non fa male a nessuno”. – La vita è piena di cose imperfette. Imparare ad accettare i difetti e decidere di apprezzare ognuna delle differenze degli altri, è una delle cose più importanti per creare una relazione sana e duratura. – La comprensione e la tolleranza sono la base di ogni buona relazione. -Sii più gentile di quanto ritieni necessario esserlo perchè tutte le persone, in questo momento, stanno lottando a qualche tipo di battaglia. -Tutti abbiamo problemi e tutti stiamo imparando a vivere, ed è molto probabile che non ci basti una vita per imparare il necessario.

“Il viaggio verso la felicità non è diritto. Esistono curve chiamate EQUIVOCI, esistono semafori chiamati AMICI, luci di posizione chiamate FAMIGLIA, e tutto si raggiunge se hai: Una ruota di scorta chiamata DECISIONE, un potente motore chiamato COMPRENSIONE una buona assicurazione chiamata FEDE, abbondante combustible chiamato PAZIENZA, e soprattutto un autista esperto chiamato AMORE!!!. »

(Lin Yu Tang)

Migliorare il posizionamento su Google con il plugin Wordpress Amp

Migliorare il posizionamento su Google con il plugin WordPress Amp

Per essere sicuri di ottenere il miglior piazzamento possibile su Google, è importante sapere cosa piace al motore di ricerca di Mountain View. Inutile nasconderci: possiamo essere primi su tutti i motori di ricerca del mondo, ma se non siamo piazzati bene su Google, il nostro numero di visitatori giornalieri da ricerca organica sarà sempre limitato.

Per fare questo, bisogna restare aggiornati sulle novità cui dà importanza il tram di Google. Adattandoci, potremo ben figurare ai suoi occhi, e prenderci un bel vantaggio su tutti coloro i quali non mettono in pratica i suoi consigli. E possiamo assicurarvi che sono la gran parte dei nostri principali concorrenti. Colossi a parte, infatti, molti blog e siti minori sono spesso gestiti a livello poco professionale. E prima che chi c’è dietro alla struttura tecnica del sito adegui le sue caratteristiche alle ultime necessità, può passare un po’ di tempo.

Oggi vogliamo parlare di Amp, il progetto lanciato negli ultimi mesi da Google che ormai sta diventando indispensabile per scalare le serp. Amp è l’acronimo di Accelerated Mobile Pages Project. Internet va sempre più verso il mobile, e Google vuole che gli utenti abbiano a disposizione contenuti che si caricano quasi istantaneamente. Adattarsi non è molto semplice, a meno che non abbiate un sito WordPress.

In questo caso potete adattare il vostro sito alla tecnologia Amp, mediante un semplice plugin WordPress. Ce ne sono molti disponibili, e nei prossimi mesi ce ne saranno molti di più, sempre più ottimizzati. Utilizzate sempre plugin che trovate recensiti sul sito ufficiale WordPress, per non avere brutte sorprese.

Grazie a questi plugin, la versione Amp delle vostre pagine verrà realizzata automaticamente, dovrete solo provvedere a un minimo di configurazione. Sappiate che Amp, proprio per la sua natura veloce, elimina gran parte degli elementi di un sito tipico. Tra questi, anche le pubblicità. Esistono però estensioni a pagamento, nemmeno troppo costose, di questi plugin, che consentono di connettersi in automatico ai circuiti pubblicitari come Adsense, per far comparire le inserzioni dove più desiderate. Se hai bisogno di una mano, contattaci e sapremo dirti di più.

Avere un sito con tecnologia Amp è il modo migliore per ben figurare agli occhi di Google, e può consentirti di scalare velocemente la serp passando avanti a tutti coloro i quali non dispongono di questa tecnologia. Una strategia fondamentale, soprattutto se hai un sito di news.